Marie Claire Bellezza 2

Il principio è noto. Quando si assumono carboidrati, gli enzimi della digestione li trasformano in glucosio diretto al sangue, e la glicemia aumenta più o meno velocemente. Se per esempio l’amido è racchiuso in gusci di proteine e fibre (come nel caso della pasta integrale) il glucosio arriva al flusso sanguigno lentamente (basso indice glicemico), al contrario di quanto succede con i cibi raffinati e trasformati industrialmente. Considerando che da 0 a 55 l’indice glicemico è basso, un piatto di spaghetti conditi con olio e pomodoro vale 41: ecco spiegata la mia dieta con due piatti di pasta (integrale e in dosi non eccessive, naturalmente). Basso anche l’indice glicemico di verdure, legumi, mandorle, avena, cioè gli alimenti chiave, sempre conditi con olio extravergine ricco di vitamine e polifenoli circa cinque-sei cucchiai al giorno. Numerose ricerche degli ultimi anni hanno dimostrato che la dieta mediterranea vera, che si rifà al modello culturale tradizionale, non solo è benefica per la salute, ma permette di perdere peso e di non riacquistarlo.

Nella pratica, che cosa ho mangiato?Un esempio. Pranzo: orecchiette con le rape; purè di fave con contorno di olive, peperoni ed erbette; verdure crude tagliate fini. Acqua a volontà. Cena: spaghetti con vongole, asparagi e pinoli;melenzane ripiene; mela alla cannella.Un bicchiere di vino rosso, onorando così fino in fondo la triade sacra della dieta: grano, olio, vite. Brekfast: spremute, yogurt magro, una fetta di torta con carote e mandorle. Tra un pasto e l’altro non mi è mai venuta fame, ma, nel caso, avevo a disposizione in stanza una coppetta piena di mandorle, che masticate poco hanno effetto saziante e contengono preziosi antiossidanti- Inoltre ogni giorno ho provato i trattamenti talassoterapici, dallo scrub con concentrato di alghe all’impacco corporeo, sempre di alghe all’idromassaggio: cure dolci particolarmente utili per chi, come me, tende alla ritenzione idrica. Non mi sono fatta mancare neppure le passeggiate tra gli ulivi per le strade di campagna circostanti, respirando a pieni polmoni l’aria pulita di mare.

Risultato? Dai 69 chili sono scesa a 67.2 e ho mangiato benissimo.

La masseria San Domenico si trova a Savelletri di Fasano, in provincia di Brindisi. Info su talassoterapia e dieta mediterranea: masseriasandomenico.com; tel. 080 4827769