Puglia, spa e natura
Sul set del nostro servizio di moda “Bianco mediterraneo”, tra masserie e villaggi in tufo

Alla ricerca del sapore del Sud, la troupe di «Grazia» è andata in Puglia, dove il turchese del mare e il verde della campagna incorniciano costruzioni dall’architettura essenziale, pennellate di bianco, in un paesaggio dall’impatto forte. Niente di meglio come sfondo per una moda ultralight, dove il bianco non è solo una scelta cromatica, ma uno stile. Lungo il litorale tra Bari e Brindisi, a Savelletri di Fasano, abbiamo incontrato l’anima ospitale della Puglia: alla Masseria San Domenico l’atmosfera è ancora la stessa di quando la famiglia Melpignano ospitava gli amici per il weekend, Oggi quella casa di vacanza è diventata un hotel di charme che accoglie ospiti da tutto il mondo, che alle vacanze chiedono discrezione e tranquillità.
«Quando ho deciso di aprire la mia casa», spiega Marisa Melpignano, anima della Masseria San Domenico e della più raccolta Masseria Cimino, «ho mantenuto intatti struttura e arredi, ho creato una spa con talassoterapia e un campo da golf, il San Domenico Golf Club, che si estende sul mare con diciotto buche, più alcuni campi da tennis». Il candore dei muri di tufo e di calce e delle costruzioni moresche di Borgo Egnazia domina su tutto: è bianca anche la più recente realizzazione, poco distante dalla masseria. Una struttura costruita ex novo che comprende una moderna spa, un hotel centrale con terrazze panoramiche affacciate sul mare, un villaggio modellato sui centri storici pugliesi, con miniappartamenti dotati di piccoli giardini arabi, e, infine, alcune ville, che assicurano i servizi esclusivi di un albergo a cinque stelle e un’assoluta privacy. Borgo Egnazia si inserisce armoniosamente nel paesaggio anche per un altro motivo: la scelta di utilizzare, per la sua realizzazione, solo maestranze e materiali locali. «Qui il territorio è ricco di tradizioni e di storia, pensiamo soltanto agli antichi insediamenti rupestri: si tratta di un patrimonio da studiare e difendere, come si propone di fare la Fondazione San Domenico», racconta Marisa Melpignano, sempre attenta alle radici di questa terra. Lasciamo Savelletri di Fasano con la sensazione che torneremo presto, per farci incantare ancora dalla tranquillità della natura.

Scarica articolo originale in formato PDF